Come mantenere l'argento pulito

Per mantenere il vostro gioiello sempre luminoso, consigliamo questa miscela naturale ed efficace:

Miscelare circa un cucchiaio di bicarbonato con mezzo cucchiaio di aceto e con un batuffolo di cotone passare l'oggetto per circa un minuto, poi sciacquare molto bene con l'acqua.

A seconda della dimensione del gioiello modificate le quantità della miscela.

L'ARGENTO

L'argento è l'elemento chimico nella tavola periodica che ha simbolo Ag (dall'abbreviazione del latino Argentum) e numero atomico 47. È un metallo di transizione tenero, bianco e lucido; l'argento è il migliore conduttore di calore ed elettricità fra tutti i metalli, e si trova in natura sia puro che sotto forma di minerale. Si usa nella monetazione, in fotografia e in gioielleria.

Caratteristiche

L'argento è un metallo monovalente molto duttile e malleabile, appena più duro dell'oro, con una lucentezza metallica bianca che viene accentuata dalla lucidatura. Ha la maggiore conducibilità elettrica tra tutti i metalli, superiore persino a quella del rame.

L'argento puro, tra i metalli, ha anche la più alta conducibilità termica, il colore più bianco, la maggiore riflettanza della luce visibile (povera invece nel caso della luce ultravioletta) e la minore resistenza all'urto. Gli alogenuri d'argento sono fotosensibili e l'effetto prodotto su di essi dalla luce è alla base della fotografia in bianco e nero.

L'argento è stabile nell'aria pura e nell'acqua pura, ma scurisce quando è esposto all'ozono, all'acido solfidrico o all'aria contenente tracce di composti dello zolfo.

Nei suoi composti ha numero di ossidazione +1.

Applicazioni

  • per produrre specchi con una maggiore riflettanza; gli specchi comuni sono fatti con l'alluminio
  • la produzione di monete d'argento risale al 700 avanti Cristo; le parole "argento" e "denaro" sono identiche o molto simili in almeno 14 lingue
  • per il suo splendore viene usato per produrre articoli di gioielleria e set di posate e articoli da tavola (l'argenteria), prodotti tradizionalmente con l'argento Sterling, una lega che contiene il 92,5% di argento
  • per la sua malleabilità e la sua non tossicità si usa in lega con altri metalli in odontoiatria
  • per le sue proprietà catalitiche, trova uso come catalizzatore in molte reazioni di ossidazione, ad esempio nella produzione di formaldeide dal metanolo.
  • il cloruro d'argento può essere reso trasparente e venire impiegato come cemento per il vetro
  • lo ioduro d'argento è usato per seminare le nubi per produrre la pioggia.

Storia

L'argento (dal latino argentum) è noto sin dall'antichità. È menzionato nel libro della Genesi e l'analisi di resti in siti archeologici in Asia minore e nelle isole del Mar Egeo indica che l'argento era già presente nel quarto millennio avanti Cristo .

Per millenni l'argento è stato usato come ornamento e come materiale per utensili, come merce di scambio e come base per molti sistemi monetari. È stato a lungo considerato il secondo metallo più prezioso, dopo l'oro.

In molte teologie e cosmogonie, l'argento è associato alla luna e a divinità lunari e femminili.

Il valore dell'argento subì un brusco calo quando la scoperta di giacimenti in America Latina, tra cui le miniere di Zacatecas e Potosì, portò ad un'inflazione del metallo.

L'argento dà il nome ad una nazione, l'Argentina, ed al suo principale fiume, il Rio de la Plata - dal suo nome spagnolo, plata.

L'argento ha un effetto germicida e in vitro uccide molti microorganismi senza praticamente causare danni a forme di vita più complesse. Ippocrate scrisse che l'argento aveva effetti benefici e proprietà curative. Sono molti i composti dell'argento venduti come medicamenti per un'ampia gamma di malattie, tuttavia nessuno studio clinico ne ha mai dimostrato l'efficacia come antibiotico in vivo. Composti dell'argento sono usati per accelerare la ricostruzione dei tessuti danneggiati da ustioni. Negli Stati Uniti, l'argento è usato insieme al rame per mantenere pulite le piscine. Il rame è attivo contro le alghe, l'argento contro i batteri data la sua capacità di ossidarli per contatto.

Disponibilità

L'argento si trova in natura sia allo stato nativo che combinato in composti con lo zolfo, l'arsenico, l'antimonio o il cloro in svariati minerali - ad esempio, l'argentite, Ag2S.  Giacimenti d'argento si trovano in Canada, Messico, Perù, Australia e negli Stati Uniti. Il Messico è il principale produttore, con 3.154 tonnellate prodotte nel 2010, che rappresentano il 18% circa della produzione mondiale.  Oltre che dai minerali, l'argento si ottiene anche dalla raffinazione elettrolitica del rame. 

Contatti

GIO GIO DESIGN

giogiodesign@libero.it FACEBOOK:
giogio design